Il Blog di Ivan Zazzaroni

Schwazer rimette in marcia i nostri dubbi. Dal blog di Ivan Zazzaroni. Segui i post e le analisi di Ivan!

schwarzer_zazzaroni_marcia_news_qv

Accolsi con soddisfazione il ritorno alle gare e al successo di Pantani nel 2000, così come il rientro di Maradona (al Boca) dopo lo scandalo di Dallas ’94, allora perché questo spiazzamento davanti al trionfo mondiale di Schwazer nella 50km di marcia?

Non sapere cosa dire di definitivo, o quale sia la posizione più giusta da tenere nel preciso momento in cui un atleta che ha sbagliato, ha raccontato un sacco di bugie ma ha anche pagato e si è ripulito, si rimette in marcia e addirittura stravince guadagnandosi un posto alle Olimpiadi.

Dubbi, tanti. E non mi consola il fatto che non appartengano soltanto a me. Leggendo i commenti a un post del Corriere incontrate immediatamente gli esponenti di una parte e dell’altra. Scrive un lettore restando in superficie: “Siamo nel Paese in cui una persona ne ammazza un’altra infilandola con un ombrello e dopo 9 anni è ok. C’è chi s’indigna, chi urla, ma le cose sono così. Poi invece uno per doping sconta interamente la pena (3 anni e 9 mesi) senza riduzioni, e non basta. In un Paese che di colpo e diventato come le comari di un paesino di Bocca di Rosa che moralizzano su tutti e tutto, io dico: viva Alex, hai sbagliato e hai pagato, ma ora basta. Se le regole dicono che si può, corri (e vinci)”.

Ed ecco l’opinione contraria, e diretta: “Siamo un paese che premia i furbetti, ora uno che si è dopato diventa un eroe. Solo in Italia funziona così, ed è questo il nostro male più grande: sempre pronti a giustificare tutti e a finire sempre a tarallucci e vino. Forse di etica lei non ne hai sentito parlare, come il 98 % degli italiani. Del resto, pensi che bell’esempio per i giovani e per chi non si dopa”.

Preciso che la tolleranza non è una nostra esclusiva: di peccatori a vario titolo e per i reati più disparati, dalle scommesse al doping, allo stupro, è piena la storia dello sport mondiale, da Foreman a Pryor, da Liston a Vinokourov, da Diamond a Daum, a Adams, a Paolo Rossi.

Ho “perdonato” Marco e Diego, non posso condannare Schwazer. Eppure se mi chiedete cosa farei all’atleta trovato positivo, la risposta è una sola: lo radierei per alto tradimento dei valori dello sport, e insieme a lui caccerei l’allenatore, il medico, il presidente della federazione, tutti altrettanto responsabili. Se non di più.

Ivan Zazzaroni

Per commentare e leggere tutti i post di Ivan Zazzaroni con le sue analisi, i suoi punti di vista e i suoi approfondimenti clicca qui www.ivanzazzaroni.it‎!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! e B-Lab Sport © 2013-2018 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top