La quota vincente
Notizie dal Mondo

Genova, ingegnere collaboratore di Morandi: “Nessun errore nel progetto”

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

Tenuto conto del contesto storico, il progetto era assolutamente corretto. Chi dice il contrario cerca lo scoop o ama la battuta facile“. Oggi Mario Paolo Petrangeli è uno dei più noti ingegneri progettisti civili italiani. Si è formato, subito dopo la laurea, agli inizi degli anni ’60, nello studio Morandi: “ero un giovane collaboratore”, racconta a LaPresse.

Il ponte di Genova Petrangeli lo conosceva bene e non ha problemi a rispedire al mittente tutte le polemiche sul progetto e sui materiali. L’errore lo esclude “nel modo più assoluto”: “C’erano conoscenze all’epoca limitate, che si sono andate arricchendo. Stando così le cose, è chiaro che ci fosse bisogno di una manutenzione molto più attenta di quanto si faccia con i ponti costruiti dopo”. Il calcestruzzo “era di buona qualità, me lo ricordo. Fu costruito da Condotte, che era un’impresa valida e di altissimo livello. I materiali erano buoni. Se fosse stato difettoso non sarebbe durato 60 anni“.

Perché quindi il ponte è crollato?

“Allora le conoscenze sui materiali erano molto modeste, erano i primi esempi di ponti di quel tipo che si facevano nel mondo. È chiaro che la parte critica sono gli stralli, le funi che tengono sospesa la travata. A quel tempo erano abbastanza semplici, ora sono molto più sofisticati, principalmente per quel che riguarda la protezione contro la corrosione. Quel ponte aveva sicuramente problemi di manutenzione degli stralli che erano corrosi”.

Erano problemi noti?

“Sì, erano conosciuti. Mi risulta per certo che si era già intervenuto sugli stralli, erano stati riparati. Si vedevano elementi aggiunti al progetto originale”.

Riparati male?

“È difficile dirlo, bisognerà fare tutti gli accertamenti, io non me la sentirei di dire se sono stati riparati male o bene. Di certo il cedimento è stato dovuto agli stralli”.

Il fulmine non c’entra nulla?

“Direi proprio che questo sia da escludere. Mi pare poco verosimile, tenderei più a pensare a fenomeni di fatica. Una fune può portare un peso determinato. Se lei applica anche solo la metà del peso, ma ce la applica 10 milioni di volte, quella fune si rompe per fatica. Quando fu progettato, il ponte aveva un certo traffico che era limitato e nel tempo è andato crescendo a dismisura”.

Oggi il governo parla di sottrarre la concessione ad Autostrade. Sarebbe sostenibile per lo Stato la manutenzione di un’opera del genere?

“Mi paiono reazioni a caldo spropositate. Aspetterei di capire bene cosa è successo prima di prendere queste decisioni. Non è assolutamente detto che lo Stato gestisca in modo più accurato della società Autostrade. Pensi a tutti i ponti crollati in Sicilia, erano di gestione dell’Anas, dello Stato. Ci andrei cauto”.

È vero che i costi di manutenzione del ponte erano superiori a quelli di produzione?

“Non ho elementi per dirlo, ma è un problema che si presenta sempre: conviene demolire e ricostruire o riparare a costi alti? Questo va al di là del fatto tecnico. Con la demolizione insorge un problema ecologico grosso di smaltimento dei materiali, non è detto non convenga riparare. Demolire e ricostruire a volte può essere conveniente dal punto di vista economico, ma molto più penalizzante da quello ambientale e della gestione, perché bisogna interrompere il traffico”.

Nei prossimi mesi Genova avrà problemi importanti di congestione.

“Avrà problemi enormi. Lo so bene perché quel ponte era cruciale, ma questo è un discorso che riguarda anche gli eventi sismici. Bisognerebbe sempre, per queste opere così importanti, avere un’alternativa nel cassetto, possibile e rapida”.

Cosa dice dei problemi sul ponte gemello che Morandi progettò in Venezuela?

“Il ponte in Venezuela è stato il primo di quel tipo a essere costruito. Ma a Maracaibo l’opera ha avuto dei problemi perché una nave ha danneggiato gravemente un pilone, questo non è assolutamente prevedibile e certo non imputabile alla struttura. Poi Morandi ha progettato un ponte molto importante in Libia che è ancora in esercizio. Mi sono occupato io degli interventi di manutenzione straordinaria”.

Quanto ci vorrà per conoscere le cause del crollo a Genova?

“Non è una questione di giorni e settimane. Mi aspetto dei mesi”.
 

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! e B-Lab Sport © 2013-2018 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top