La quota vincente
Notizie dal Mondo

Inps, stipendio raddoppiato per Tridico: scoppia la bufera

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

Il presidente dell’Inps Pasquale Tridico è finito nuovamente nella bufera. Dopo le polemiche degli scorsi mesi su reddito di cittadinanza, navigator, bonus 600 euro e cig, l’economista calabrese è finito sotto la lente d’ingrandimento per via del suo stipendio passato da 62mila euro l’anno a 150mila grazie a un decreto interministeriale Lavoro-Mef datato 7 agosto. Nel testo, lo stesso maxi stipendio è attribuito anche al presidente dell’Inail, mentre 40mila euro all’anno sono invece assegnati ai vicepresidenti dei due Istituti (60mila se hanno deleghe). L’aumento è riconosciuto “con decorrenza dalla data di nomina del Presidente, del Vice Presidente e dei consiglieri di amministrazione Inps e di Inail”. Quindi per Tridico dal 22 maggio 2019, quando fu nominato numero 1 in coabitazione (poi breve) con il vicepresidente vicino alla Lega Adriano Morrone.

Un aumento che non è passato inosservato e che, secondo la ricostruzione de ‘La Repubblica’ sarebbe retroattivo. La notizia ha alzato il polverone a livello politico con il centrodestra, compatto, che chiede le dimissioni di Tridico. “Inps, non ho parole. Invece di aumentarsi lo stipendio, prima paghi la cassa integrazione alle centinaia di migliaia di lavoratori che la aspettano da mesi, poi chieda scusa e si dimetta”, ha tuonato il leader della Lega Matteo Salvini mentre da Fratelli d’Italia definiscono l’aumento “assurdo e insultante, è un premio Pd-5S”. Anche Forza Italia chiede un chiarimento al governo e rilancia: “E’ reddito di arroganza, chiesa scusa e si dimetta”.

Luigi Di Maio, di cui Tridico è fedelissimo, vuole andare a fondo alla vicenda e da Napoli fa sapere che chiederà “chiarimenti nelle prossime ore”. Dopo ore di silenzio arriva una nota dell’Inps che prova a gettare acqua sul fuoco. “La Direzione Risorse Umane dell’Inps comunica che non ha corrisposto al Presidente Tridico compensi arretrati in seguito all’emanazione del Decreto del 7 agosto 2020 e, in ogni caso, gli Uffici dell’Istituto non hanno mai previsto l’erogazione di un compenso arretrato al Presidente per il periodo che va da maggio 2019 al 15 aprile 2020. Pertanto, la notizia apparsa sul quotidiano La Repubblica di oggi, a firma di Giovanna Vitale, in merito ad un compenso arretrato al Presidente pari a 100mila euro è priva ogni fondamento”, spiega l’Istituo Nazione di Previdenza Sociale. 

 

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! © 2013-2019 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top