La quota vincente
Notizie dal Mondo

La ripartenza del Calcio: 20 giugno la Serie A, dal 13 Coppa Italia

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

 Il pallone torna in campo nei principali stadi italiani. Limati gli ultimi dettagli nel vertice decisivo con tutte le componenti del mondo del calcio il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, può dare l’annuncio: “Il 20 giugno la Serie A tornerà in campo”. E l’antipasto sarà ancora più ghiotto. Per far venire immediatamente l’acquolina in bocca agli ‘addicted’ del pallone dal 13 al 17 si giocheranno le due semifinali di ritorno di Coppa Italia (Napoli-Inter e Juventus-Milan) e la finale nella sede tradizionale dello Stadio Olimpico. Subito tre match di cartello, in chiaro sulla Rai, per permettere agli italiani di tornare a disquisire di qualcosa che sia diverso dallo tsunami che li ha travolti in questi durissimi mesi. Del resto, come sottolinea ancora Spadafora, “ora che l’Italia sta ripartendo è giusto che lo faccia anche il pallone”, un messaggio lanciato anche a chi in questi mesi ha soffiato sul fuoco della polemica con “la storiella per cui io o il governo avessimo qualche dubbio sul rispettare l’importanza del calcio”.

 Inutile però nascondersi dietro a un dito: le difficoltà ci sono, eccome. La più grande resta quella relativa all’eventualità di positività al test per il coronavirus da parte di un calciatore o di un membro delle squadre. Sotto questo aspetto il Comitato tecnico scientifico non ha mollato la presa. La necessità della quarantena è “imprescindibile” scandisce a chiare lettere Spadafora avallando la presa di posizione dagli scienziati. Per questo motivo la Figc, ha già pronti tanto un piano B quanto un piano C. Il primo prevede un accorciamento della stagione con la disputa di playoff e playout, il secondo la “cristallizzazione” del campionato stesso. Sul come questo debba avvenire, e nella speranza che non accada, però il ministro si chiama fuori. Sono questioni che, esattamente come quella relativa agli orari in cui far disputare le partite, le componenti del calcio dovranno discutere in autonomia al loro interno.

 Il tasto sul quale Spadafora continua invece a pigiare con decisione è quello relativo alla possibilità di trasmettere in chiaro una sorte di ‘diretta gol’ da parte dei broadcaster che detengono i diritti. Le interlocuzioni con Sky sono costanti e “positive”, rivela il ministro. La speranza è di trovare una soluzione di compromesso che possa accontentare tutti. Con gli stadi rigorosamente sigillati infatti creare assembramenti nei bar per vedere i match in Tv sarebbe un controsenso che da Palazzo Chigi si vuole assolutamente evitare.

 Questioni di primaria importanza ma che, almeno in questi primi momenti, possono passare in secondo piano davanti agli occhi dei tifosi che già pregustano i gol dei loro idoli, pure negli stadi deserti da dove però il rumore del pallone giungerà ancora più forte. Un calcio non solo alla sfera di cuoio più amata dagli italiani ma anche alla paura.

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! © 2013-2019 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top