La quota vincente

COMPARAZIONE BONUS NUOVI CLIENTI

BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
Notizie dal Mondo

Mottarone: a un anno dalla tragedia vicini agli esiti della perizia sulla rottura della fune

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

“La nostra comunità chiede giustizia e la chiede in fretta”. La sindaca di Stresa, Marcella Severino, riassume così a LaPresse il pensiero dei cittadini a un anno dalla strage della funivia del Mottarone, nel Verbano, quando una cabina dell’impianto è caduta.Quattordici vittime, quattordici indagati, tra persone e società. E’ ancora da sciogliere uno dei due nodi cruciali dell’inchiesta: perché si è rotta la fune traente dell’impianto? A dare qualche risposta saranno gli esiti delle perizie che dovranno essere consegnati entro il 30 giugno. Il 15 luglio saranno discussi in aula, per chiudere l’incidente probatorio aperto ormai quasi un anno fa per accertare “le cause della precipitazione della cabina”.

Quel 23 maggio 2021 alle 12.30 sono successi due fatti distinti: si è rotta la fune, poi i freni d’emergenza non hanno funzionato. Sul secondo punto però sono emersi subito dettagli rilevanti: il caposervizio Gabriele Tadini aveva ammesso di non aver tolto i ‘forchettoni’ che, se inseriti, impediscono al freno di entrare in funzione: è stato posto ai domiciliari, scaduti per lui lo scorso novembre. “Non vuole parlare. Cerca di elaborare il lutto, l’anniversario lo fa ripiombare in quella settimana infernale, da quando è successa la tragedia a quando lo hanno arrestato”, spiega il suo legale, Marcello Perillo. Alcune testimonianze avevano poi portato a incarcerare anche Luigi Nerini, gestore dell’impianto, ed Enrico Perocchio, direttore d’esercizio. La vicenda che li riguarda è stata travagliata: pochi giorni dopo, l’allora gip Banci Buonamici li aveva rimessi in libertà. La sentenza del tribunale del Riesame di Torino, al quale la procuratrice di Verbania Olimpia Bossi aveva fatto ricorso, ne aveva chiesto i domiciliari. Ma la Cassazione pochi giorni fa ha annullato la sentenza: le motivazioni sono attese proprio in questi giorni e potrebbero fare luce su alcune presunte responsabilità. Per questo i legali dei due, Andrea Da Prato e Pasquale Pantano, non commentano. Oltre a loro, ci sono altri 11 indagati: ci sono i vertici di Leitner, che doveva fare la manutenzione dell’impianto, alcuni dipendenti. Ma il nodo cruciale resta la rottura del cavo. Un’ipotesi “impossibile” per Tadini, che aveva sempre dichiarato di aver escluso nelle sue considerazioni che questa rottura potesse verificarsi.

Ci si concentra sul manicotto dove passava la fune. “Tadini ha sempre detto di aver escluso la possibilità della rottura della fune: se si fosse rotta per mancata manutenzione sarebbe gravissimo” ripete a LaPresse il suo legale, Perillo. Ma ancora occorre prudenza. Nonostante molte anticipazioni, secondo alcuni periti di parte mancano alcune analisi fondamentali come quella sulla fatica dei materiali: difficile quindi iniziare a fare ipotesi. Certo è che dalla procura trapela che la perizia potrebbe cambiare tutto: potrebbero esserci nuovi indagati o potrebbe essere stralciata la posizione di qualcuno. Secondo alcuni legali è ancora da chiarire il ruolo dell’Ustif, l’Ufficio Speciale Trasporti a Impianti Fissi, che dovrebbe controllare gli impianti a fune: a luglio alcuni legali delle parti offese avevano chiesto di estendere anche all’Ustif l’incidente probatorio, richiesta rifiutata dalla nuova gip Elena Ceriotti. Gip andata poi in pensione: altro cambio, altra attesa.

L’analisi è stata lunga: i resti della cabina sono stati spostati solo l’8 novembre 2021, quasi sei mesi dopo il crollo. Nel frattempo, dicono le parti, “qualcosa potrebbe essersi corroso”. Poi, altri sei mesi per avere la perizia, sperando non ci sia un nuovo rinvio: la prima data per gli esiti era lo scorso dicembre. Ma, ricorda la procura, le indagini sono lunghe perché certosine e di cruciale importanza.Al lavoro preliminare hanno contribuito in tanti: i vigili del fuoco hanno gestito lo spostamento della cabina con l’elicottero, mentre i carabinieri sono stati tra i primi sul posto ad aiutare, insieme al Soccorso Alpino. “C’è stato subito coordinamento tra gli enti present, nonostante la tragedia – spiega a LaPresse Alberto Cicognani, comandante dei carabinieri del Vco – ma siamo riusciti a lavorare coordinati e con grande professionalità. E’ l’unica cosa positiva che possiamo vedere in una tragedia del genere”. I vigili del fuoco hanno curato alcuni passaggi cruciali per la perizia: “È stato un lavoro delicato e impegnativo ma svolto con grande sforzo di coordinamento” ricorda a LaPresse il comandante Roberto Marchioni. Sui prossimi step ora c’è il massimo riserbo: è solo con la perizia in mano che si potrà capire come procedere. “Per andare avanti il territorio, la comunità, le famiglie hanno bisogno di giustizia” insiste ancora la sindaca Severino.

COMPARAZIONE BONUS

Comparazione Bonus nuovi clienti - betfair exchange Comparazione Bonus nuovi clienti - bet365 Comparazione Bonus nuovi clienti - pokerstars sport Comparazione Bonus nuovi clienti - better Comparazione Bonus nuovi clienti - gpòdnet Comparazione Bonus nuovi clienti - olibet Comparazione Bonus nuovi clienti - snai Comparazione Bonus nuovi clienti - C Play Comparazione Bonus nuovi clienti - stars casino Comparazione Bonus nuovi clienti - sportitaliabet

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! © 2013-2019 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top