La quota vincente

COMPARAZIONE BONUS NUOVI CLIENTI

BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
Notizie dal Mondo

Luiss, lectio magistralis a due voci per il diritto alla felicità

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

Un nuovo comma da inserire nella Costituzione, il diritto alla felicità, e un dialogo straordinario a due voci sul futuro dell’etica. Sono questi gli spunti e le proposte oggetto della Lectio Magistralis sul Futuro dell’Etica, organizzata dalla Fondazione Guido Carli, che si è tenuta oggi nella prestigiosa Aula Magna “Mario Arcelli” dell’Università Luiss. In continuità con la lezione del grande economista e uomo delle istituzioni Guido Carli – Governatore della Banca d’Italia, Ministro del Tesoro, Presidente della Confindustria e padre fondatore dell’Europa a cui è intitolata l’Università Luiss – la Fondazione, che prende il suo nome, ha lanciato una nuova sfida per riportare al centro l’individuo e i suoi bisogni. Il progetto – nato da un’idea della Presidente della Fondazione e nipote dello stesso Guido Carli, Romana Liuzzo – mira a introdurre nell’articolo 3 della Costituzione italiana, che sancisce il principio di uguaglianza, un comma finale interamente dedicato alla felicità come diritto da riconoscere sul modello americano della Dichiarazione d’Indipendenza, ma che non ha ancora trovato spazio nella legislazione al di qua dell’Atlantico. Nel contesto degli straordinari cambiamenti e trasformazioni che stiamo vivendo a causa della pandemia, la Fondazione ha proposto una lectio magistralis a due voci sul futuro dell’etica, approfondito sotto diversi aspetti (finanza e lavoro, innovazione e impegno sociale, solidarietà e bene comune) con due protagonisti d’eccezione: Gianni Letta, Presidente onorario della Fondazione, tra i più importanti attori della vita politica italiana e Brunello Cucinelli, imprenditore illuminato, che ha saputo dar vita a una forma esemplare di capitalismo umanistico.

L’incontro si è aperto con le dichiarazioni della Presidente Liuzzo: “Negli Stati Uniti, già dal 1776, un emendamento della dichiarazione concede piena cittadinanza alla più naturale aspirazione dell’essere umano: la felicità. L’articolo 3 – che scolpisce nel nostro ordinamento il principio di uguaglianza – potrebbe concludersi con un comma in cui questo diritto trovi finalmente la sua legittimazione. La felicità, tuttavia, si raggiunge non in forza di una norma, ma in relazione alla dimensione economica e sociale di tutti. Come ci ha ricordato Papa Francesco, occorre superare la “cultura dello scarto”. L’economia rende un servizio al bene comune se rimane legata all’etica. Dell’insegnamento nel cammino che congiunge etica e felicità ne facciamo tesoro nel solco del lascito morale di Guido Carli, l’economista, il servitore dello Stato, il nonno che mi ha nutrito di questi valori che finalmente dopo questi mesi difficili, vediamo come luce in fondo al tunnel. E non è un caso che lo stesso Presidente del Consiglio Mario Draghi era stato chiamato da Carli al Tesoro. Questo filo di continuità è energia volta alla realizzazione di ciascun individuo e per il benessere della comunità

A seguire, i saluti della Sindaca di Roma Virginia Raggi: “Ci stiamo già muovendo verso un nuovo stato di felicità e di benessere collettivo dopo il Covid. Noi amministratori abbiamo questa sfida del Recovery Fund, che dobbiamo vincere per ricostruire una comunità e un Paese fondati su principi diversi: di solidarietà, di inclusione di uguaglianza con l’obiettivo di far ripartire il lavoro. Credo sia una grandissima sfida. E penso che, se mai il diritto alla felicità dovesse essere inserito in Costituzione, per noi sarebbe un traguardo ulteriore da perseguire. Perché la felicità di ciascun cittadino, e in maniera più ampia della nostra comunità, è il motivo per il quale noi amministratori cerchiamo di governare la res publica, compiendo scelte nella direzione della tutela del bene comune e quindi, nella direzione della felicità di tutti gli individui”.

La lectio è stata preceduta dall’intervento di Vincenzo Boccia, Presidente della Luiss: “L’Università è il luogo dal quale partire per costruire il futuro di una società aperta, connessa e responsabile nella quale le Istituzioni assicurino il funzionamento di un sistema orientato alla cooperazione e alla crescita. Il mondo della formazione e del lavoro devono sapere valorizzare i talenti e le aspirazioni delle nuove generazioni, creando le opportune condizioni e fornendo gli adeguati strumenti per guidare la trasformazione delle nostre società. Sta a noi definire uno spazio condiviso di valori e obiettivi, un’etica della responsabilità per consentire a ciascuno di esercitare il proprio diritto alla felicità”.

“Romana Liuzzo prosegue quella lezione che suo nonno Guido Carli ha dato in vita, ma che continua a restituire con un’attualità sconcertante e ogni volta sorprendente anche oggi a noi. Il diritto alla felicità, con l’etica in sottofondo, che il Presidente Boccia ha fatto bene a richiamare – dichiara Gianni Letta – E’ importante l’identificazione della felicità con il bene comune, quell’interesse collettivo che,secondo Tommaso D’Aquino, è una felicità pensata e vissuta non come stato emotivo ma come riflesso spirituale e psicologico del voler bene e del far bene. Felicità è intesa non solo come desiderio per sé stessi ma come felicità sociale: il presupposto dell’armonica convivenza di una comunità, il substrato di un’etica di lavoro. Sembra retorica o pura teoria, ma non lo è”.

“L’essere umano ha bisogno di nutrirsi di grandi ideali, di valori, di fiducia, di tornare a credere nella speranza invece che nella paura, in un anno così speciale. Non ci può essere vita senza speranza: abbiamo bisogno di tornare ad investire nella spiritualità” prosegue Brunello Cucinelli, “Viviamo nel miglior momento dell’umanità: perché non ritorniamo ad essere orgogliosi? Mi piacerebbe se, insieme, ridiscutessimo i valori della nostra Italia, su come possiamo ricostruire i nostri valori, perché abbiamo bisogno di rispetto, dignità e di tornare a credere nello Stato. Per questo – anche per cultura – più che l’espressione “diritto alla felicità”, come fosse un diritto che domani qualcuno ti può garantire, parlerei di “ricerca della felicità, dell’aspirazione alla felicità”.

A conclusione, l’intervento della Vice Presidente dell’Ateneo, Prof.ssa Paola Severino: “La pandemia ha messo l’umanità di fronte ai suoi limiti, evidenziando le fragilità individuali e dell’intera società ma svelando anche le capacità di reazione e le opportunità che possiamo cogliere. In un momento così difficile e complicato è necessario ripartire dalla complessità del reale e capire cosa ci ha condotto fino a qui per riprogrammare il futuro prossimo e quello delle generazioni che verranno. Ricostruire la fiducia richiede tempo, impegnarsi a farlo è l’unica possibilità che abbiamo per dar vita a una profonda rinascita – politica, sociale e culturale – in grado di affrontare le grandi questioni globali”.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

COMPARAZIONE BONUS

Comparazione Bonus nuovi clienti - bet365 Comparazione Bonus nuovi clienti - betfair Comparazione Bonus nuovi clienti - fantasyteam Comparazione Bonus nuovi clienti - betfair exchange Comparazione Bonus nuovi clienti - sportitaliabet

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! © 2013-2019 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top