La quota vincente

COMPARAZIONE BONUS NUOVI CLIENTI

BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
BLabSport di  B Lab Live! Comparazione BONUS
Coronavirus Sport

Sport e COVID 19: tutto quello che sappiamo sull’immunità e sugli anticorpi del coronavirus – e quello che ancora dobbiamo sapere sulla fase 2

Foto AP-LaPresse - Tutti i diritti riservati

Sport e Covid 19: tutto quello che sappiamo su immunità e anticorpi

Le fake news non ci aiutano a capire l’importanza della risposta scientifica alle nostre domande e ai nostri dubbi sul COVID-19: per questo abbiamo ripreso il report di Andrew Joseph e Sharon Bagley pubblicato da STAT in cui gli autori presentano l’attività deii test sierologici sulle squadre di baseball della MLS americana, lo stato dell’arte sulla ricerca relativa alla produzione di anticorpi al coronavirus, i casi di riattivazione del COVID-19.

Sport e Covid 19: tutto quello che sappiamo su immunità e anticorpi . Le persone che pensano di essere state esposte al nuovo coronavirus chiedono a gran voce test per gli anticorpi: esami del sangue in grado di rilevare chi è stato precedentemente infettato e, si spera, segnalino chi è protetto da un altro caso di Covid-19.

Ma man mano che i test si svolgono, gli esperti stanno provando a diffondere prudenza rispetto all’effetto che i risultati di questi test potrebbero produrre come, ad esempio, permettere alle persone di tornare al lavoro. Alcuni test anticorpali non sono stati convalidati, avvertono. E un test positivo accurato può essere difficile da interpretare: il virus è così nuovo che i ricercatori non possono dire con certezza quale tipo di risultati segnalerà l’immunità o quanto durerà quella protezione.

Avvertono che i responsabili politici potrebbero prendere decisioni economiche e sociali – piani per riaprire aziende o scuole (e aggiungiamo noi riprendere i campionati di calcio e tutte le attività sportive), ad esempio – sulla base di dati limitati, ipotesi e su cosa si sa di altri virus. Il presidente Trump la scorsa settimana ha presentato un approccio in tre fasi per riaprire il paese; ha detto che alcuni Stati che hanno visto il declino del numero di casi potrebbero iniziare immediatamente ad allentare i requisiti di distanziamento sociale.

E alcune autorità hanno proposto l’idea di concedere “passaporti di immunità” alle persone che si riprendono dal virus per consentire loro di tornare alla vita quotidiana senza restrizioni.

“Prima di intraprendere decisioni politiche così importanti, come il rilascio di certificati di immunità per riportare le persone al lavoro, penso sia positivo che la comunità dica: “Aspettate, non sappiamo molto sull’immunità a questo virus”, ha detto Angela Rasmussen, virologo della Columbia University.

Per essere chiari, la maggior parte degli esperti pensa che un’infezione iniziale da coronavirus, chiamata SARS-CoV-2, garantirà l’immunità al virus per un certo periodo di tempo. Questo è generalmente il caso delle infezioni acute da altri virus, inclusi altri coronavirus.

Con dati limitati, “a volte devi agire su una base storica”, ha dichiarato Anthony Fauci, capo dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, in un webcast con JAMA questo mese. “È ragionevole supporre che questo virus non stia cambiando molto. Se venissimo infettati ora e il conoravirus si ripresentasse il prossimo febbraio o marzo pensiamo che questa persona potrà essere protetta. ”

Tuttavia, l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, ha sottolineato che la presunta immunità potrà essere dimostrata solo quando gli scienziati studieranno i casi di coloro che si sono ripresi per periodi più lunghi. L’agenzia sta lavorando su una guida per l’interpretazione dei risultati dei test anticorpali, chiamati anche test sierologici.

“In questo momento, non abbiamo prove che l’uso di un test sierologico possa dimostrare che un individuo sia immune o protetto dalla reinfezione”, ha detto Maria Van Kerkhove dell’OMS durante un briefing la scorsa settimana.

Di seguito, STAT esamina le domande più immediate sugli anticorpi e sull’immunità a cui gli scienziati stanno lavorando per trovare le risposte.

Quali sono i test anticorpali? Quanto è ampia la disponibilità? E quanto sono precisi?

I test cercano anticorpi nel sangue. Poiché gli anticorpi sono unici per un particolare patogeno, la loro presenza è la prova che la persona è stata infettata dal coronavirus e ha innescato una risposta immunitaria. La speranza è che la presenza di anticorpi indichi che la persona è protetta da un’altra infezione.

Questi test sono diversi da quelli utilizzati per diagnosticare le infezioni attive, che cercano cioè parti del genoma del virus.

I test commerciali sugli anticorpi stanno iniziando ad apparire sul mercato, ma finora la Food and Drug Administration ha permesso solo alcune autorizzazioni di emergenza. E già l’authority sanitaria avverte che quelli sul mercato possono variare nella loro accuratezza.

“Sono preoccupato dal fatto che alcuni dei test sugli anticorpi presenti sul mercato, che non sono stati sottoposti alla revisione scientifica della FDA, potrebbero non essere accurati come vorremmo che fossero”, ha dichiarato il commissario della FDA Stephen Hahn su “Meet the Press” all’inizio di questo mese.

Ha aggiunto che “nessun test è preciso al 100%, ma ciò che non vogliamo sono diffusioni incontrollate di test imprecisi”.

Anche i test migliori genereranno alcuni falsi positivi (identificando gli anticorpi che in realtà non esistono) e alcuni falsi negativi (mancano gli anticorpi che sono davvero lì). Paesi tra cui il Regno Unito hanno riscontrato problemi di precisione con i test sugli anticorpi, rallentando i loro sforzi per campagne diffuse.

La paura in questo caso con test imprecisi è che i falsi test positivi potrebbero erroneamente indurre le persone a pensare di essere protette dal virus quando al contrario devono ancora contrarre un’infezione iniziale.

I test sierologici “non sono una panacea”, ha affermato Scott Becker, CEO della Association of Public Health Laboratories. “Quando vengono effettuati, dobbiamo assicurarci che vengano utilizzati test di buona qualità”.

Esiste una preoccupazione specifica per i test anticorpali per SARS-CoV-2: potrebbero raccogliere anticorpi di altri tipi di coronavirus.

A livello globale, ci sono state solo poche migliaia di persone esposte agli altri coronavirus che hanno causato emergenze epidemiche, SARS e MERS. Ma ci sono altri quattro coronavirus che circolano nelle persone e causano circa un quarto di tutti i comuni raffreddori. Si pensa che quasi tutti abbiano anticorpi verso una combinazione di quei coronavirus, quindi i test sierologici per SARS-CoV-2 dovrebbero essere in grado di differenziarsi tra loro.

Cosa si può ricavare dai risultati sierologici?

Rilevare gli anticorpi è il primo passo. Interpretare ciò che significano è più difficile.

In genere, un virus che causa un’infezione acuta spingerà il sistema immunitario a produrre specifici anticorpi. Anche dopo che il virus è stato eliminato, questi anticorpi “neutralizzanti” fluttuano intorno, pronti a raccogliere una risposta nel caso in cui il virus tenti di infettare di nuovo.

Il virus potrebbe infettare alcune cellule, ma non può davvero ottenere un contatto prima che il sistema immunitario lo bandisca. (Questo non è il caso dei virus che causano infezioni croniche, come l’HIV e, in molti casi, l’epatite C.)

“L’infezione viene sostanzialmente fermata prima che possa diffondersi ovunque”, ha dichiarato Stephen Goldstein, un virologo dell’Università dello Utah. Ma Goldstein ha aggiunto che “la durata di tale protezione varia a seconda del virus”.

Gli scienziati che hanno esaminato gli anticorpi contro altri coronavirus – sia il raffreddore comune che causa il quartetto, sia la SARS e la MERS – hanno scoperto che possono persistere per almeno alcuni anni, indicando che le persone erano protette dalla reinfezione per almeno così tanto tempo. Da allora, la protezione potrebbe iniziare a calare, non a diminuire completamente.

L’esperienza con altri virus, compresi gli altri coronavirus, ha incoraggiato ciò che l’epidemiologo di Harvard Marc Lipsitch ha riassunto come “educated guess” in un recente articolo del New York Times: “Dopo essere stati infettati da SARS-CoV-2, la maggior parte delle persone hanno una risposta immunitaria, alcuni meglio di altri. Si può presumere che tale risposta offrirà una certa protezione a medio termine – almeno un anno – e quindi la sua efficacia potrebbe diminuire.”

Ma molti test sierologici non sono simili ai test di gravidanza, con un risultato sì o no. Riveleranno i livelli (o il titolo) degli anticorpi nel sangue di una persona. Ed è qui che le cose possono diventare un po’ più complicate. A questo punto, gli scienziati non possono dire con certezza quale livello di anticorpi potrebbe essere necessario per proteggere una persona da un secondo caso Covid-19.

Inoltre, non possono dire per quanto tempo verranno salvaguardate le persone, anche se si pensa che un titolo iniziale più alto impiegherà più tempo a diminuire rispetto a livelli bassi.

“Sono necessarie ulteriori indagini per comprendere la durata dell’immunità protettiva per SARS-CoV-2”, un comitato della National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine ha scritto in un rapporto questo mese.

Non è solo se qualcuno è immune da solo. Il prossimo presupposto è che le persone che hanno anticorpi non possono diffondere il virus ad altri. E questo non è stato ancora dimostrato.

“Non abbiamo i dati immunologici o biologici sufficienti a questo punto per dire che se qualcuno ha una risposta immunitaria abbastanza forte da essere protetto dai sintomi, non possono essere trasmettitori”, ha detto Michael Mina, un epidemiologo presso il T.H. di Harvard. Chan School of Public Health.

La sfida, come evidenziato dal rapporto dell’Accademia nazionale, è che nessuno sapeva di questo virus fino a pochi mesi fa. Ciò significa che non sono stati in grado di studiare cosa succede alle persone che si riprendono da Covid-19 – e se e per quanto tempo sono protetti – per più di un breve periodo di tempo.

“Una delle principali incertezze deriva dal fatto che siamo all’inizio di questo focolaio e che i sopravvissuti delle prime settimane di infezione in Cina sono, al massimo, solo tre mesi dopo il recupero”, afferma il rapporto.

Cos’altro possono mostrare i test anticorpali?

Oltre a identificare coloro che sono stati infettati, i test sugli anticorpi possono anche suggerire a un livello più ampio la diffusione del virus. Questi dati hanno implicazioni su quanto gravi potrebbero essere i futuri focolai di casi e su quali tipi di restrizioni potrebbero essere necessarie le comunità. Se più persone sono state infettate di quanto si sappia – una forte probabilità, dato il numero di infezioni lievi che potrebbero essere state perse e testando le limitazioni in paesi tra cui gli Stati Uniti – allora si pensa che più persone saranno protette in futuro.

Negli Stati Uniti, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e il National Institutes of Health hanno entrambi lanciato “serosurveys” per valutare quante persone potrebbero aver contratto il virus. Anche i dipendenti e i giocatori delle squadre di baseball della Major League sono stati arruolati in uno studio che ha coinvolto migliaia di pazienti.

Che cosa hanno mostrato finora i dati dei test sieroepidemiologici sulla generazione di anticorpi?

Un certo numero di Paesi ha lanciato test sierologici di grandi dimensioni, quindi speriamo di avere presto un’idea più chiara dei livelli di anticorpi generati da individui che si riprendono dal Covid-19 e tra la popolazione in generale. Per ora, tuttavia, sono stati rilasciati solo dati limitati da un paio di piccoli studi.

Gli scienziati in Europa hanno segnalato una forte produzione di anticorpi nei pazienti entro poche settimane dall’infezione. Uno studio pubblicato su Nature ha scoperto che le persone erano generalmente veloci nella formazione di anticorpi, il che potrebbe aiutare a spiegare perché la maggior parte delle persone non sviluppa casi gravi di Covid-19.

Ma un’anteprima rilasciata questo mese ha complicato il panorama (Le anteprime o prestampe non sono ancora state sottoposte a revisione o pubblicate su una rivista di ricerca). I ricercatori di Shanghai hanno riferito che su 175 pazienti con Covid-19 confermati, circa un terzo aveva bassi livelli di anticorpi e alcuni non avevano anticorpi rilevabili.

I risultati suggeriscono che la forza della risposta anticorpale potrebbe essere correlata alla gravità dell’infezione, sebbene ciò non sia noto con certezza. Hanno anche sollevato preoccupazioni sul fatto che quelli con una risposta anticorpale più debole potrebbero non essere immuni dalla reinfezione.

Ma ricercatori esterni in sede di revisione hanno affermato che le conclusioni sull’immunità non possono essere tratte da ciò che lo studio ha scoperto. Per prima cosa esistono diversi tipi di anticorpi, quindi potrebbero esisterne alcuni che il test non stava cercando.

In secondo luogo, studi condotti su altri coronavirus hanno dimostrato che le risposte anticorpali variano da persona a persona, senza chiare implicazioni sulla protezione di una persona da un’altra infezione.

E, dicono i ricercatori, che gli anticorpi non sono l’unico trucco che il corpo deve proteggere da solo. Le cellule immunitarie formano anche ricordi dopo un’infezione iniziale e possono essere rapidamente radunate se lo stesso patogeno dovesse provare a colpire di nuovo, anche senza anticorpi o dopo che i livelli di anticorpi si attenuassero.

“Le persone che perdono quella neutralizzazione sierica – non significa necessariamente che non avranno un certo livello di immunità”, ha detto il virologo Vineet Menachery dell’Università medica del Texas. “Il tuo sistema immunitario non è stato dimenticato. Potrebbero volerci solo un paio di giorni per generare quella risposta immunitaria ed essere in grado di eliminare un virus. ”

Ha aggiunto che è probabile che se e quando la protezione inizia a calare e le persone contraggono il coronavirus una seconda volta, è probabile che causi una malattia ancora più lieve.

Ho sentito di reinfezione o virus “riattivato”. Cosa è successo in quei casi?

Funzionari sanitari in alcuni Paesi hanno dichiarato di aver visto esempi di persone in via di guarigione da Covid-19 evidenziare nuovamente il virus in positivo – fenomeno che hanno iniziato a chiamare “riattivazione” per differenziare l’evento da una seconda infezione.

Ma gli esperti sono scettici sul fatto che tutto questo si stia verificando.

Sebbene nessuna possibilità possa essere eliminata in questa fase iniziale dell’epidemia, dicono che ci sono spiegazioni più probabili per un test diagnostico positivo che segue un test negativo.

Per prima cosa i test usati per diagnosticare Covid-19 cercano frammenti del genoma del virus, il suo RNA. Ma ciò che non possono dire è se ciò che stanno trovando è la prova del virus “vivo”, che significa virus infettivo. Una volta che una persona combatte un virus, le particelle virali tendono a indugiare per qualche tempo. Queste ultime non possono causare infezioni, ma possono innescare un test positivo.

I livelli di queste particelle possono variare, il che spiega come un test possa tornare positivo dopo un test negativo. Ma ciò non significa che il virus sia tornato attivo o contagioso.

In secondo luogo i test diagnostici in genere si basano su campioni non prelevati in zone più profonde dalle loro cavità nasali. La raccolta di quel campione non è infallibile. Testare un campione che è stato raccolto in modo improprio potrebbe portare a un test negativo anche se la persona ha il virus. Se quel paziente fosse sottoposto ad un altro test, potrebbe mostrare con più precisione che ha il virus.

Come ha affermato Jana Broadhurst, direttrice del laboratorio clinico dell’unità di biocontenimento del Nebraska su quei tamponi, “immondizia arriva, immondizia esce”.

SPECIALE “STREAMING NON STOP” dalle 14:00 alle 18:30 con gli approfondimenti degli esperti sulle partite del giorno in diretta Live Streaming nella chat numero 1 in Italia sempre su www.blablive.com e anche sulla pagina ufficiale Facebook, anche Twitter e infine Instagram.

COMPARAZIONE BONUS

Comparazione Bonus nuovi clienti - betfair exchange Comparazione Bonus nuovi clienti - bet365 Comparazione Bonus nuovi clienti - pokerstars sport Comparazione Bonus nuovi clienti - better Comparazione Bonus nuovi clienti - gpòdnet Comparazione Bonus nuovi clienti - olybet Comparazione Bonus nuovi clienti - snai Comparazione Bonus nuovi clienti - C Play Comparazione Bonus nuovi clienti - sportitaliabet

Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le previsioni e i pronostici presenti all’interno del blog sono frutto di opinioni personali che riguardano il possibile esito di eventi sportivi, scelti a discrezione dell’autore, e sono espressi precedentemente allo svolgersi degli eventi stessi. L’autore cerca di fornire dati accurati e aggiornati ma non offre alcuna garanzia assoluta circa l’accuratezza o l’attualità del contenuto del sito, come non si assume alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni.
L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. L’autore del blog si riserva il diritto di rimuovere senza preavviso e a suo insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, l’autore non è in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.
Ogni visitatore del blog si impegna a prendere visione di questo disclaimer e ad accettarne tutte le condizioni.

This website is hosted Green - checked by thegreenwebfoundation.org

Questo sito confronta le quote e i bonus offerti dai Bookmakers da noi selezionati, in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Il servizio, come indicato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al punto 5.6 delle proprie Linee Guida (allegate alla delibera 132/19/CONS), è effettuato nel rispetto del principio di continenza, non ingannevolezza e trasparenza e non costituisce pertanto una forma di pubblicità

Forniamo giornalmente pronostici, suggerimenti ed anteprime sulle principali competizioni sportive. Grazie ai nostri consigli ti aiutiamo a scegliere tra le offerte dei bookmaker in possesso di regolare concessione ad operare in Italia rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

B-Lab LIVE! e blabsport.it sostengono il Gioco Responsabile. Il gioco é severamente vietato ai minori di 18 anni‎ e può causare dipendenza patologica.

B-Lab Live! © 2013-2019 Boris Production srl P.IVA 01804480992. Powered by CSS Communication® - Tutti i diritti riservati - Sito in Costruzione -

To Top